• Home
  • Nenskra
  • Diga di Nenskra, le popolazioni locali ribadiscono la loro opposizione al progetto

Diga di Nenskra, le popolazioni locali ribadiscono la loro opposizione al progetto

  • 15
  • 4
  •  
  •  
  •  
  •  
    19
    Shares
Manifestazione contro la diga di Nenskra

Manifestazione contro la diga di Nenskra. Foto da www.bankwatch.org

La popolazione della Svanezia ha preso carta e penna e ha indirizzato una lettera aperta alle istituzioni georgiane e di grandi entità internazionali come le Nazioni Unite e la Banca mondiale per opporsi alla costruzione delle dighe nella loro regione, nel nord-ovest della Georgia. Di recente la Banca europea per la ricostruzione e lo sviluppo e la Banca europea per gli investimenti hanno approvato il finanziamento di circa un quarto della somma prevista per il progetto della diga di Nenskra (destinata a costare oltre un miliardo di euro), della cui costruzione si sta occupando da tre anni l’italiana Salini-Impregilo – sebbene i lavori stiano andando molto a rilento.

A seguire un estratto della lettera aperta.

Per noi la terra, l’acqua e la natura della Svanezia sono sacri e vitali. Noi siamo i custodi della natura unica della Svanezia, la cui protezione è uno dei nostri compiti supremi. Pertanto, stiamo vietando per sempre e per tutte le generazioni future la costruzione di qualsiasi progetto di infrastruttura che invada, danneggi e distrugga e rovini la natura unica della Svanezia!

Proibiamo in modo incondizionato la costruzione di centrali idroelettriche, miniere d’oro e qualsiasi altra attività che danneggi la natura, Ci opponiamo alla costruzione delle centrali idroelettriche in Svanezia, tra cui: Khudoni, Nenskra, Mestiachala e altre 50 dighe pianificate!

Richiediamo inoltre al governo della Georgia, alle Nazioni Unite e alle organizzazioni internazionali di riconoscere gli Svan come popolazione indigena, visto che risiedono negli stessi luoghi di secoli e secoli. Richiediamo il riconoscimento dei nostri diritti di proprietà abituale. Inoltre, come definito dalle normative internazionali internazionale, chiediamo che nessuno dei progetti infrastrutturali venga approvato senza il nostro previo consenso.

Tags: , ,

Trackback dal tuo sito.

Lascia un commento

Le inchieste di Re:Common

Video – “Danno Assicurato”


Le miniere e le centrali a carbone in Nord Boemia provocano da decenni danni ambientali molto pesanti, minando l’ecosistema della regione e la salute di chi la abita. Guarda il video realizzato da Fosco d’Amelio, Mario e Stefano Martone di Audioimage su youtube.

GODIImenti la pagina con i materiali



Godiimenti, ovvero come inceppare la grande opera e vivere felici. In questa pagina sono disponibili tutti i materiali multimediali - audio, video, pubblicazioni - prodotti nei sei mesi di lavoro del laboratorio di scrittura collettiva. Vai alla pagina

Contatti

Associazione Re:Common

Sede operativa: c/o Binariouno coworking, via di Porta San Lorenzo 5 00185 – Roma, Italia

Sede legale: via Lucio Lombardo Radice 9, 00134 Roma

codice fiscale: 97686900586

Ultime newsletter