I Balcani assediati dalle grandi dighe

  •  
  • 6
  •  
  •  
  •  
  •  
    6
    Shares

Cartina delle dighe costruite o in costruzione nei Balcani, realizzata da Ulrich Schwarz, Fluvius Vienna, per Euronatur e River Watch

Dalla Slovenia alla Grecia è ormai uno stillicidio di grandi impianti idroelettrici che spuntano ovunque. Lo rivela un rapporto commissionato dalla Ong River Watch alla Fluvius, un’organizzazione indipendente che effettua monitoraggi di progetti sostenuti dall’Unione europea e dalle Nazioni Unite.

Le cifre fanno tremare i polsi a coloro che rigettano un modello basato su grandi progetti infrastrutturali e sui grandi sbarramenti visti come fonti energetiche “pulite”. Nell’arco di appena due anni, è stato registrato un incremento del 300 per cento nella realizzazione di questa tipologia di opere, più precisamente si è passati dai 61 cantieri del 2015 ai 187 attuali, con un totale di dighe previsto che si attesta sulle 2.800 unità. Sempre secondo lo studio di Fluvius, ripreso dal quotidiano britannico Guardian, almeno un terzo di questi progetti sarebbe in zone protette e ad alto pregio naturalistico.

Uno dei casi più eclatanti riguarda il fiume Vjosa in Albania, dove negli ultimi anni sono state scoperte specie animali e vegetali precedentemente sconosciute. Un habitat naturale raro e molto delicato che, nonostante le rassicurazioni dell’esecutivo di Tirana, rischia di scomparire, con tutte le conseguenze negative che ciò può comportare anche per le comunità locali.

Per leggere il rapporto di Fluvius: http://balkanrivers.net/en/news/data-update-2017-hpps-balkan-rivers

Trackback dal tuo sito.

Lascia un commento

Le inchieste di Re:Common

Video – “Senza comunità non c’è resistenza”


“Senza comunità non c'è resistenza!” - Assemblea aperta e dialogo sul fare comunità tra esperienze collettive - 29 novembre 2015 ad Avigliana, in Val di Susa. Link al video su youtube.

GODIImenti la pagina con i materiali



Godiimenti, ovvero come inceppare la grande opera e vivere felici. In questa pagina sono disponibili tutti i materiali multimediali - audio, video, pubblicazioni - prodotti nei sei mesi di lavoro del laboratorio di scrittura collettiva. Vai alla pagina

Contatti

Associazione Re:Common

Sede operativa: c/o Binariouno coworking, via di Porta San Lorenzo 5 00185 – Roma, Italia

Sede legale: via Lucio Lombardo Radice 9, 00134 Roma

codice fiscale: 97686900586

Ultime newsletter