• Home
  • Comunicati Stampa
  • Assemblea degli azionisti di Intesa Sanpaolo, Re:Common chiede alla banca di non finanziare il TAP

Assemblea degli azionisti di Intesa Sanpaolo, Re:Common chiede alla banca di non finanziare il TAP

  • 46
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
    46
    Shares
Intesa-Sanpaolo

Sede di Intesa Sanpaolo a Torino, foto Re:Common, aprile 2018

Re:Common interviene oggi insieme a esponenti del Movimento No TAP all’assemblea degli azionisti di Intesa Sanpaolo per chiedere al consiglio d’amministrazione dell’istituto bancario di non sostenere finanziariamente il controverso gasdotto TAP, l’ultimo tratto della mega pipeline che dai giacimenti dell’Azerbaigian arriverà fino alle coste del Salento.

Intesa Sanpaolo riconosce le proprie responsabilità rispetto ai cambiamenti climatici nel proprio codice etico e nella propria policy per l’ambiente e l’energia. Il gruppo inoltre è consapevole di come la firma dell’Accordo di Parigi sul clima e il successivo piano di implementazione “avrà delle implicazioni per Intesa Sanpaolo, i propri clienti e i business partners”. Eppure tale consapevolezza trova scarsa implementazione nel business della banca.

Sebbene la banca classifichi gli investimenti nei combustibili fossili tra i cosiddetti “settori controversi”, il gruppo continua a garantire un supporto finanziario a tutti i combustibili fossili, incluso il comparto carbonifero, oltre che a considerare l’opportunità di entrare in nuovi progetti di estrazione, sfruttamento e trasporto, come per l’appunto il gasdotto TAP. Oltre agli impatti ambientali, sociali e sui diritti umani, gli investimenti nei combustibili fossili rischiano di trasformarsi a breve in “stranded asset”, un boomerang per la banca, con un serio rischio non solo reputazionale, ma anche economico.

“In quanto azionisti critici, su delega anche della rete internazionale BankTrack, chiederemo a Intesa Sanpaolo di fornire informazioni chiare sul proprio piano di uscita dai combustibili fossili e su come la banca vede il proprio coinvolgimento in nuovi progetti come per esempio il TAP. Domanderemo inoltre a quanto ammonta la sua esposizione verso il gruppo SOCAR, che è tra i principali sponsor del Corridoio Sud del Gas, in termini di aperture di credito, project finance, investimento in azioni e bond”, ha dichiarato Elena Gerebizza di Re:Common.

Per seguire gli aggiornamenti in tempo reale sull’assemblea degli azionisti di Intesa Sanpaolo: su Twitter @Recommon

Guarda il video:

Tags: ,

Trackback dal tuo sito.

Commenti (1)

  • Avatar

    Rita

    |

    IL nostro mare e la nostra terra non merita un trattamento così invasivo.Il petrolio,il gas sono ormai sorpassati,finanziate le energie alternative,aiutate la terra a rinascere da questo inquinamento o faremo una brutta fine, TUTTI

    Reply

Lascia un commento

Le inchieste di Re:Common

Video – “Danno Assicurato”


Le miniere e le centrali a carbone in Nord Boemia provocano da decenni danni ambientali molto pesanti, minando l’ecosistema della regione e la salute di chi la abita. Guarda il video realizzato da Fosco d’Amelio, Mario e Stefano Martone di Audioimage su youtube.

GODIImenti la pagina con i materiali



Godiimenti, ovvero come inceppare la grande opera e vivere felici. In questa pagina sono disponibili tutti i materiali multimediali - audio, video, pubblicazioni - prodotti nei sei mesi di lavoro del laboratorio di scrittura collettiva. Vai alla pagina

Contatti

Associazione Re:Common

Sede operativa: c/o Binariouno coworking, via di Porta San Lorenzo 5 00185 – Roma, Italia

Sede legale: via Lucio Lombardo Radice 9, 00134 Roma

codice fiscale: 97686900586

Ultime newsletter