3. Per Eni nessun “assoluzione” da parte dell’investigatore inglese Benton

Il rapporto dell’Eni con la verità si allontana ulteriormente quando si parla dell’indagine della polizia metropolitana britannica (MPS) sull’OPL 245. Il titolo rivendica: “Nulla emerge”. L’Eni poi afferma: “Le indagini del MPS non hanno fatto emergere condotte criminose di soggetti riconducibili a Eni”[1]. La società cita poi la testimonianza a Milano di Jonathan Benton, l’alto funzionario investigativo. Questa è pubblicata sul sito dell’Eni[2].

I lettori vedranno che Benton non ha rilasciato alcuna dichiarazione, in un modo o nell’altro, su specifici presunti reati da parte di soggetti riconducibili all’Eni, perché non gli è mai stato chiesto di farlo. Ha comunque testimoniato di essere stato informato dall’ex Procuratore Generale della Nigeria che “la questione Opl245 era una problematica di corruzione di alto livello”  (p. 22 ); e ha anche detto che sperava che i procedimenti giudiziari nel Regno Unito relativi all’OPL 245 si sarebbero alla fine concretizzati (p. 30)[3]. Non si tratta di un esonero di Eni, Shell o altri soggetti coinvolti nell’affare, dato che è stato l’ex Procuratore Generale a negoziare gli accordi in base ai quali la Repubblica Federale della Nigeria ha agito come “obbligato” per l’accordo[4] e che ora è perseguita in Nigeria[5]. Adoke nega il resoconto di Benton e qualsiasi illecito relativo all’OPL 245.[6]


[1]    https://www.eni.com/it-IT/media/caso-opl245-processo-nigeria/vicenda-opl245-ruolo-tre-ong.html

[2]    https://www.eni.com/content/dam/enicom/images/canali/media/11-1%20copy.jpg

[3]    Verbale ufficiale dell’udienza del 3 ottobre 2018, Tribunale di Milano, 7a Sezione Penale, Giudici Tremolada, Gallina, Carboni, procedimento 54772/13 R.G.N.R., 1351/18 R.G. – disponibili a:
https://dirittopenaleuomo.org/wp-content/uploads/2019/07/P2018201821873_TRIBUNALE-DI-MILANO_03-10-2018_TREMOLADA_SCARONI-PAOLO-14_1351.18_54772.13firmato.pdf

[4]    Comprehensive Position Paper di Mohammed Bello Adoke, SAN, CFR Onorevole Procuratore generale della Federazione e Ministro della Giustizia, 23 luglio 2013, p.9.

[5]     https://www.reuters.com/article/us-nigeria-oil/nigeria-charges-ex-attorney-general-in-court-over-13-billion-oil-deal-idUSKBN1ZM2QN

[6]    Le dichiarazioni dell’ex Procuratore Generale che negano le accuse di atti illeciti sono disponibili sul sito:
https://www.thecable.ng/mohammed-bello-adokes-letter-attorney-general-federation-malabu-oil

https://oglinks.news/category-noc/news/my-role-in-malabu-oil-deal-by-adoke

https://www.premiumtimesng.com/promoted/401561-the-many-lies-of-the-milan-prosecutor-lawyers-to-ex-minister-adoke.html

Resta aggiornato, iscriviti alla newsletter

Iscrivendoti alla newsletter riceverai aggiornamenti mensili sulle notizie, le attività e gli eventi dell’organizzazione.


    Vai alla pagina sulla privacy

    Sostieni le attività di ReCommon

    Aiutaci a dare voce alle nostre campagne di denuncia

    Sostienici