La truffa del biodiversity offsetting

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Vuoi annientare un pezzo di foresta pluviale nel Sud del Madagascar per far spazio a una fruttuosa miniera d’ilmenite? Puoi farlo, basta ricreare, ma a volte è sufficiente preservare, un habitat naturale in un altro punto del Paese o del Pianeta che abbia le stesse caratteristiche di quello distrutto.

Vuoi estrarre rame e oro dal deserto del Gobi sventrando chilometri di territorio mongolo? Puoi, basta che metti i collari alle gazzelle dalla coda nera e agli asini Khulan che vivono solo in quella località e affermi che come contropartita riduci la caccia illegale e monitori le specie a rischio estinzione.

Si chiama “compensazione della biodiversità” e da alcuni anni molte imprese, istituzioni finanziarie internazionali come la Banca mondiale, alcune grandi organizzazioni per la protezione della natura e un numero crescente di governi hanno cominciato a utilizzarla in maniera sempre più frequente. Sembra un processo virtuoso, in realtà è una “truffa”.



Tags:

Trackback dal tuo sito.

Lascia un commento

Le inchieste di Re:Common

Video – “Senza comunità non c’è resistenza”


“Senza comunità non c'è resistenza!” - Assemblea aperta e dialogo sul fare comunità tra esperienze collettive - 29 novembre 2015 ad Avigliana, in Val di Susa. Link al video su youtube.

GODIImenti la pagina con i materiali



Godiimenti, ovvero come inceppare la grande opera e vivere felici. In questa pagina sono disponibili tutti i materiali multimediali - audio, video, pubblicazioni - prodotti nei sei mesi di lavoro del laboratorio di scrittura collettiva. Vai alla pagina

Contatti

Associazione Re:Common

Sede operativa: c/o Binariouno coworking, via di Porta San Lorenzo 5 00185 – Roma, Italia

Sede legale: via Lucio Lombardo Radice 9, 00134 Roma

codice fiscale: 97686900586

Ultime newsletter