Notizie in evidenza

  • Carbone in Colombia, l’intervento di Re:Common all’Assemblea degli azionisti di Enel

    Si sta svolgendo in queste ore l’assemblea degli azionisti Enel. Una parte del carbone che importa la compagnia energetica italiana viene importata dalla regione del Cesar in Colombia, dove negli anni si sono verificate numerose violazioni dei diritti umani e orrendi crimini perpetrati dalle unità paramilitari. Ecco il testo dell’intervento di Re:Common che sarà presentato oggi all’assemblea degli azionisti.
    Leggi tutto

  • Finalmente libera la giornalista azera Khadija Ismayilova

    La Corte Suprema dell'Azerbaigian ha ordinato il rilascio on probation (libertà vigilata) della giornalista d'inchiesta Khadija Ismayilova. Negli ultimi anni la giornalista di Radio Free Europe era stata una vera e propria spina del fianco per il regime instaurato dalla famiglia Aliyev, al potere ininterrottamente dal 1993.
    Leggi tutto

  • Il fondamentalismo della corruzione

    [di Antonio Tricarico]
    La corruzione è un nemico, una minaccia globale paragonabile a quella del terrorismo fondamentalista, anche in termini economici. In media il dieci per cento dei costi per gli affari nel pianeta è legato a mazzette, tangenti e frodi. Cifre inquietanti e parole forti che hanno fatto da cornice al primo summit internazionale contro la corruzione, voluto e ospitato a metà maggio a Londra dal premier inglese David Cameron. Leggi tutto

Webdoc Walking the line

“Walking the line”, “Sul filo del rasoio” è il webdoc che racconta la storia del controverso mega gasdotto che dal Mar Caspio dovrebbe portare il gas azero fino in Italia. Leggi tutto

Ultime Notizie

In ricordo di Ken Saro Wiwa, a 20 anni dal suo assassinio

Scritto da admin il . Categoria Energia

Ken Saro Wiwa

[di Luca Manes] Ken Saro Wiwa era un grande poeta, ma soprattutto un infaticabile attivista per i diritti umani. Un uomo che aveva deciso di lottare contro i soprusi che la Shell e il governo dittatoriale nigeriano stavano imponendo alla sua popolazione: gli Ogoni. Con il suo impegno e la sua determinazione, Saro Wiwa fondò [...]

Elezioni in Turchia e Azerbaigian, un’analisi dal punto di vista “energetico”

Scritto da admin il . Categoria Energia

Ilham Aliev, foto © Claude Truong-Ngoc / Wikimedia Commons, licenza CC-BY-SA 3.0

[di Elena Gerebizza] Lo scorso fine settimana si è votato in due paesi chiave per la politica estera e per la “sicurezza energetica” europea: la Turchia e l’Azerbaigian. Da un lato è comprensibile che gli occhi del mondo fossero rivolti alla Turchia, dall’altro è imbarazzante che le elezioni in Azerbaigian siano passate così in sordina. [...]

Shell dice di aver bonificato il delta del Niger. Secondo Amnesty è falso

Scritto da admin il . Categoria Energia

immagine da terraterra.org

[di Marina Forti] da www.terraterraonline.org Quante volte Royal Dutch Shell si è impegnata a ripulire gli sversamenti di petrolio intorno ai suoi oleodotti nel delta del fiume Niger, in Nigeria. Anzi, quante volte ha dichiarato di aver ripulito, bonificato. Ma è falso, dice un rapporto diffuso da Amnesty International e dal Centre for Environment, Human [...]

Cinquanta sfumature di fisco creativo

Scritto da admin il . Categoria Finanza, Giustizia fiscale, Pubblicazioni

Copertina del rapporto

[di Luca Manes] È passato un anno esatto dallo scandalo LuxLeaks. Ovvero da quando un’inchiesta condotta dal Consorzio Internazionale di Giornalismo Investigativo, e che ha visto il coinvolgimento di oltre 80 giornalisti di una ventina di paesi, ha reso pubblica una lista di agevolazioni fiscali concesse segretamente tra il 2002 e il 2010 dal governo [...]

Caso Chevron-Ecuador, il testimone ritratta e per la multinazionale petrolifera sono dolori

Scritto da admin il . Categoria Energia

L'inquinamento della Chevron in Ecuador, Foto di Caroline Bennett / Rainforest Action Network. Flickr, Licenza CC BY-NC 2.0

[di Tancredi Tarantino] Doveva essere il testimone chiave di Chevron nel processo contro gli indigeni amazzonici dell’Ecuador, ma a sorpresa l’ex giudice Alberto Guerra ha ammesso di aver mentito, trasformandosi in un pericoloso boomerang per la compagnia californiana. Dopo che nel 2012 il gigante petrolifero fu condannato in via definitiva a un risarcimento di 9,5 [...]